© Copyright 2017
Opera Munifica Istruzione
webdev nB - elaborazioni fotografiche Benedetta Cocchini
 

UN GIORNO INSIEME AL NIDO

Previo avviso l'ingresso è consentito in orari differenti.

 7.30/9.15
Accoglienza e ingresso al nido 

Ogni giorno vengono organizzate attività di vario genere che mirano al raggiungimento di obiettivi educativi calibrati sull'età dei bambini.

Spuntino
 
Attività educative in piccoli gruppi
 
Per il bambino piccolo la ritualità rappresenta un elemento di sostegno alla sua esperienza lontano da casa. La scansione di momenti precisi e ben identificabili nel corso della giornata e la successione di avvenimenti facilmente riconoscibili, in quanto ripetitivi, consentono al bambino di prevedere gli avvenimenti, permettendogli così di vivere in modo più sereno i diversi momenti. I ritmi della giornata al Nido sono pensati per rispettare questa esigenza."Che cos'e' un rito?" disse il piccolo principe. 
"Anche questa e' una cosa da tempo dimenticata", disse la volpe. "E' quello che fa un giorno diverso dagli altri giorni, un'ora dalle altre ore. C'e' un rito, per esempio, presso i miei cacciatori. Il giovedi ballano con le ragazze del villaggio. Allora il giovedi e' un giorno meraviglioso! Io mi spingo sino alla vigna. Se i cacciatori ballassero in un giorno qualsiasi, i giorni si assomiglierebbero tutti, e non avrei mai vacanza". 
 
Il riposino dei minuscoli
 

Per i bimbi più piccoli che hanno bisogno di riposarsi, c'è la possibilità di andare a fare un po' di nanna nei loro lettini

Cambio e lavaggio manine
 

Il cambio del pannolino, della pulizia corporea e del vasino sono momenti delicati durante i quali si verifica un contatto corporeo tra educatrice e bambino. Un dialogo tonico in questo momento favorisce la conoscenza del proprio corpo. infatti, tutte le azioni quotidiane che riguardano l'igiene personale (lavarsi, vestirsi e svestirsi) sono fonti di acquisizioni cognitive e di autonomia. lavarsi le manine, lavarsi i denti, togliere il bavaglino, indossare calzini antiscivolo, riordinare le proprie cose sono azioni non scontate che vanno via via acquisite.

Pranzo
 

Il pranzo si svolge nel rispetto dei bisogni legati ai diversi stadi di sviluppo del bambino, dei suoi ritmi e dei suoi gusti, per rendere il rito del pasto un momento di scambio e gioco.

Il bambino verrà stimolato a progredire verso l'autonomia (mangiare da solo, nel modo corretto, insieme agli altri...) attraverso l'imitazione dei coetanei.

I "minuscoli" mangiano in una stanza apposita attrezzata con i seggioloni. Questo consente un ambiente e un tempo più calmo e raccolto, che siano in sintonia con il bisogno di attenzione individualizzata e di ascolto dei bambini più piccoli.

 13.00-13.15
Prima uscita 

Al loro arrivo i genitori potranno avere tutte le indicazioni sull'andamento della mattinata e le educatrici saranno liete di condividere queste informazioni in tutta tranquillità e senza fretta.

Nanna
 

Il sonno è un momento particolare e si differenzia in modo notevole da bambino a bambino per quanto riguarda la durata, le abitudini e i rituali. Il bambino ricerca maggiormente l'atmosfera familiare e le educatrici si adoperano per ricrearla il più possibile, per tranquillizzare i piccoli e facilitare loro il sonno. Il momento del riposo viene accompagnato da musiche rilassanti che riproducono suoni e rumori naturali e/o momenti narrativi.

Il risveglio è ugualmente importante: le educatrici rispettano i ritmi di rientro nella realtà propri di ogni bambino.

Cambio del pannolino
 
Merenda
 

Ogni giorno vengono proposte diverse merendine: yogurt, latte e biscotti, succhi di frutta, frutta di stagione, ecc. ecc.

Attività ludiche in piccoli gruppi
 

Dopo la merenda i bambini vivranno momenti di gioco spontaneo e informale. 

 17.15-17.30
Seconda uscita 
Gioco libero
 
 18.45-19.00
Terza uscita