© Copyright 2017
Opera Munifica Istruzione
webdev nB - elaborazioni fotografiche Benedetta Cocchini
 

ESPERIENZE

MUSICAINFASCE

Musicainfasce è un atelier in cui la voce e il corpo in movimento sono strumenti privilegiati nella produzione di melodie e ritmi appositamente creati per lo sviluppo musicale del bambino. L'esperienza si svolge in orario mattutino con piccoli gruppi di bambini omogenei per età. Il laboratorio di Musicainfasce è condotto applicando i principi della Music Learning Theory (MLT) di Edwin E. Gordon, che si basa sull'assunto che la musica possa essere imparata secondo gli stessi meccanismi dell'apprendimento verbale. Fin dalla nascita il bambino è pronto ad assorbire e assimilare il linguaggio. Allo stesso modo può apprendere il linguaggio musicale attraverso l'immersione in un ambiente ricco di stimoli. E' proprio la qualità di questo ambiente a influenzare lo sviluppo del bambino. Il laboratorio è condotto da un musicista associato AIGAM (Associazione Italiana Gordon per l'Apprendimento Musicale), unica realtà italiana ad essere autorizzata a promuovere la formazione ufficiale Gordon-Musicainfasce.

Il gioco simbolico

LA MANIPOLAZIONE

L'esperienza della manipolazione consente ai bambini di essere attivi toccando, schiacciando, premendo, scoprendo e sperimentando in libertà. Attraverso queste esperienze i bambini sviluppano capacità sensoriali e percettive (caldo, freddo, morbido, duro), affinano la coordinazione occhio-mano e la capacità di distinguere le grandezze, le forme e i colori. Durante i laboratori, svolti sempre in piccoli gruppi, si utilizzano materiali diversi (farina gialla e bianca, pasta di sale, sabbia, pasta didò, plastilina, carta, creta, argilla, sementi quali fagioli, mais, lenticchie, fave, riso) e oggetti vari (caraffe, bottiglie di plastica, bicchieri, vassoi, materiali di recupero quali scatole, barattoli, pezzi di legno levigati, bastoncini, sassi, tappi). Si gioca anche con l'acqua: calda, fredda, tiepida, acqua che si colora, acqua travasata, spruzzata, mossa con le mani o con il soffio, schizzata, con la schiuma o con oggetti che affondano o galleggiano.

Il gioco simbolico

Il gioco simbolico rappresenta una delle attività più importanti del bambino, attraverso cui egli contribuisce direttamente e personalmente a strutturare il proprio sviluppo cognitivo, sociale e affettivo. Attraverso il gioco il bambino racconta di sè, le sue paure,i suoi desideri, attribuendo significati diversi ai vari oggetti presenti nella stanza: così un cubo su cui poco prima si saltava diventa una parete essenziale per costruire una casetta, un telo il mantello di un principe coraggioso che lotta contro i draghi e così via. Nel Nido della Musica sono presenti angoli in cui sono riprodotti gli ambienti domestici tramite l'utilizzo di casette, culle, bambole, passeggini, piatti, bicchieri, pentole, posate, frutta e verdura di plastica, materiali naturali, specchi, tavolini, sedie, ecc. ecc. Inoltre i piccoli possono travestirsi e truccarsi aiutati dalle educatrici.

MUSICAINFASCE

Musicainfasce è un atelier in cui la voce e il corpo in movimento sono strumenti privilegiati nella produzione di melodie e ritmi appositamente creati per lo sviluppo musicale del bambino. 

L'esperienza si svolge in orario mattutino con piccoli gruppi di bambini omogenei per età. Il laboratorio di Musicainfasce è condotto applicando i principi della Music Learning Theory (MLT) di Edwin E. Gordon, che si basa sull'assunto che la musica possa essere imparata secondo gli stessi meccanismi dell'apprendimento verbale. Fin dalla nascita il bambino è pronto ad assorbire e assimilare il linguaggio. Allo stesso modo può apprendere il linguaggio musicale attraverso l'immersione in un ambiente ricco di stimoli. E' proprio la qualità di questo ambiente a influenzare lo sviluppo del bambino. Il laboratorio è condotto da un musicista associato AIGAM (Associazione Italiana Gordon per l'Apprendimento Musicale), unica realtà italiana ad essere autorizzata a promuovere la formazione ufficiale Gordon-Musicainfasce.

LA LETTURA AD ALTA VOCE

La lettura è un'importante occasione di incontro, condivisione e di legame tra adulto e bambino. La lettura ad alta voce influenza positivamente, anche nei bambini piccolissimi, lo sviluppo di competenze, l'accrescimento del vocabolario del bambino, l'acquisizione delle competenze essenziali al successivo apprendimento autonomo della lettura e della scrittura.

Il Nido della Musica, che aderisce al progetto Nati Per Leggere, mette a disposizione libri facilmente accessibili che i bambini possono sfogliare, guardare e commentare, da soli o in piccoli gruppi. In seguito saranno invitati a raccontare le loro impressioni, dialogando con le educatrici e tra loro,in modo da rafforzare la fiducia nelle proprie capacità di espressione e comunicazione. Il Nido offre ai genitori la possibilità di prendere in prestito libri dalla biblioteca.

"La voce echeggia come un canto di balena, in quell'oceano sconfinato e incomprensibile che è una nuova vita, per dire tre sole sconfinate verità: io sono qui, tu sei qui, il mondo è qui. I mesi e gli anni passeranno, quella voce prenderà forma di parole, perline di senso infilate in collane via via più fiorite e complesse: mangia, dormi, ridi, cresci, come stai? Ma sotto quella superficie variopinta, in certe ore del giorno, in certe condizioni di luce, di emozione, di sonno, noi siamo ancora in grado di sentirlo, quel suono senza senso, quella voce senza parole, che non "vuole dire" niente, ma genera umanità. La cosa fondamentale che questo libro dice a un genitore è dunque questa: parla a tuo figlio. Hai un potere di umana magia nella gola, unico eppure comune: perché ne sei avaro? Parla con lui, con lei. Non negargli ciò che sai fare, che gli serve. E se non sai cosa dire, ci sono sorgenti di parole giuste, che son fatte per questo: leggi un libro." Bruno Tognolini

LA MANIPOLAZIONE

L'esperienza della manipolazione consente ai bambini di essere attivi toccando, schiacciando, premendo, scoprendo e sperimentando in libertà.

Bruno Munari ci ricorda che «la conoscenza del mondo, per un bambino, è di tipo plurisensoriale. E tra tutti i sensi, il tatto è quello maggiormente usato, il tatto completa una sensazione visiva e auditiva, dà altre informazioni utili alla conoscenza di tutto ciò che ci circonda(...)".

Attraverso queste esperienze i bambini maturano le loro capacità sensoriali e percettive (caldo, freddo, morbido, duro), affinano la coordinazione occhio-mano e la capacità di distinguere le grandezze, le forme e i colori. Durante i laboratori, svolti sempre in piccoli gruppi, si utilizzano materiali diversi (farina gialla e bianca, pasta di sale, sabbia, pasta didò, plastilina, carta, creta, argilla, sementi quali fagioli, mais, lenticchie, fave, riso) e oggetti vari (caraffe, bottiglie di plastica, bicchieri, vassoi, materiali di recupero quali scatole, barattoli, pezzi di legno levigati, bastoncini, sassi, tappi). Si gioca anche con l'acqua: calda, fredda, tiepida, acqua che si colora, acqua travasata, spruzzata, mossa con le mani o con il soffio, schizzata, con la schiuma o con oggetti che affondano o galleggiano.

In questo laboratorio si svolgono attività con il corpo e le mani utilizzando colori, superfici e materiali diversi. 

Il bambino può sporcarsi liberamente, scoprendo la varietà dei colori e la possibilità di mescolarli insieme, nonché di esprimere i propri vissuti interiori e vivere diverse esperienze sensoriali (visiva, olfattiva e tattile). I colori utilizzati sono artificiali (tempere, gessetti colorati, pastelli, pennarelli, colori a dita) o naturali (terra, zafferano, vaniglia, paprika, sabbia, farina, orzo, cacao, caffè, frutta, verdura, foglie, rametti con forme e colori diversi, acqua colorata). Si sperimentano tecniche pittoriche diverse attraverso l'uso di strumenti vari (rulli, spugne, cannucce, pennelli di differenti dimensioni, pastelli, pennarelli, matite) su supporti di vario genere quali cartone, plastica, legno, stoffa, pietra e tappi di sughero.

ATELIER GRAFICO PITTORICO

Il gioco simbolico rappresenta una delle attività più importanti del bambino, attraverso cui egli contribuisce direttamente e personalmente a strutturare il proprio sviluppo cognitivo, sociale e affettivo.

Attraverso il gioco il bambino racconta di sè, le sue paure,i suoi desideri, attribuendo significati diversi ai vari oggetti presenti nella stanza: così un cubo su cui poco prima si saltava diventa una parete essenziale per costruire una casetta, un telo il mantello di un principe coraggioso che lotta contro i draghi e così via. Nel Nido della Musica sono presenti angoli in cui sono riprodotti gli ambienti domestici tramite l'utilizzo di casette, culle, bambole, passeggini, piatti, bicchieri, pentole, posate, frutta e verdura di plastica, materiali naturali, specchi, tavolini, sedie, ecc. ecc. Inoltre i piccoli possono travestirsi e truccarsi aiutati dalle educatrici.

Il gioco simbolico

IL GIOCO MOTORIO

Con questo laboratorio i bambini vivono esperienze di tipo creativo, conoscitivo e comunicativo attraverso processi di apprendimento che privilegiano il corpo e le attività motorie.

Vengono utilizzati materassi, tappeti, cuscini, strati di gomma piuma e ogni genere di materiale e struttura su cui rotolare, saltare, strisciare e fare capriole. Attraverso il gioco e le attività motorie il bambino sviluppa gradualmente consapevolezza e padronanza del proprio corpo e delle proprie azioni.

Il Nido della Musica offre anche uno spazio esterno attrezzato con giochi di vario tipo (scivolo, castelli, dondoli)e un cortile. Nel periodo primaverile ed estivo vengono proposti numerosi laboratori all'esterno che prevedono i giochi d'acqua e i travasi di materiali differenti. Durante l'anno sono previste uscite che permetteranno di verificare il buon inserimento dei bambini.

I Venerdì del nido della musica 

Rivolto ai bambini e alle bambine dell'ultimo anno del Nido, è un momento di ascolto musicale dal vivo. 

I bambini vengono accompagnati in piccolo gruppo, in una sala da concerto presso l'Opera Munifica Istruzione, dove partecipano alle prove dei concerti che vengono realizzati durante le visite della chiesa di Santa Pelagia.

Dopo una prima parte di ascolto musicale libero, i bambini sono invitati a conoscere gli strumenti..ed è musica!

Unknown Track - Unknown Artist
00:00 / 00:00